BIOGRAFIA:

Nata a Cuneo vive a Rivoli e lavora ad Alpignano (TO)
S' interessa alla pittura giovanissima sotto la guida del Professor Enzo Sciavolino.
Diplomata in grafica pubblicitaria presso l’Istituto ENALC di Torino perfeziona la sua formazione artistica negli ateliers torinesi e frequentando i corsi dell’Accademia Albertina a Torino.
Dopo varie esperienze nel settore grafico pubblicitario, partecipando alla creazione d'importanti marchi, si dedica completamente all’attività pittorica in parallelo a quella didattica ed all’insegnamento delle discipline artistiche con particolare attenzione all'infanzia.
Con la mostra -"CUTTERS” tagliatori d'immagini- nel maggio 2006 firma il primo manifesto sull’Estrattismo unitamente ad altri colleghi dell’area torinese.
La sua opera trae costantemente spunto dalla natura raffigurandola nelle sue infinite espressioni attraverso il colore e la materia.
E’ presente nel panorama artistico con mostre personali e collettive ed ha ottenuto significativi riconoscimenti partecipando ad eventi e concorsi di carattere nazionale.
Sue opere sono esposte nelle gallerie “Torino Art Gallery”, “Studio Anna Virando”, “Micrò” a Torino e “ Torre della Filanda” a Rivoli (TO), “Galleria Rosa” a Montecarlo, “Galleria S. Pietro” a Savigliano (CN) e “Accorsi Arte a Torino.
I suoi lavori sono stati recensiti da Giorgio Barberis, Renzo Margonari, Giorgio Massara, Silvana Nota, Adriano Olivieri, Enzo Papa, Gianfranco Schialvino, Cinzia Tesio, Giorgia Cassini.

RECENSIONI:

..."L'incisivita ' nitida dei segni conferisce ad ogni sua composizione la consistenza della narrazione completa".....
Dott.ssa Giorgia Cassini.

..."perennemente cangiante nelle luci, nei colori, nelle emozioni, che fissa isolandole ognuna nell’istante magico che la resa perfetta ed incancellabile nei meandri del ricordo".
(da nota critica di Gianfranco Schialvino)

..."sa copiare sottigliezze di antichi maestri nella ricerca di effetti e decisioni moderne, negli impianti compositivi agitati ma raccolti".
(da nota critica di Giorgio Barberis)

..."la sua pittura mira alla “serenità attraverso la semplificazione delle linee e delle forme”."
(da nota critica di Cinzia Tesio)

..."linee che si incrociano, trovano narrazione attraverso la sua spatola in quadri la cui cifra stilistica è una materia che si espande luminosa sulla superficie creando forma che descrivono ma non si banalizzano, suggeriscono lasciando spazio al coinvolgimento attivo dell’osservatore".
(da nota critica di Silvana Nota)

..." cercando delle situazioni figurative capaci di vivere di vita propria anche nella loro presenza parziale o sezionata".
(da nota critica di Adriano Olivieri)

 

"Per questa singolare autrice che, da anni, porta avanti l’attività pittorica in parallelo a quella didattica, il mondo è un insieme di sensazioni e di colori da collocare sulla tela alla maniera dei romantici, e cioè ripercorrendolo tramite una complessa quanto determinata interiorità. E così la sua arte diventa un prodotto che fonde razionalità e idealità. Il tutto partendo da una natura che  si tramuta nell' espressione di due forze opposte mantenute in equilibrio  dalle linee orizzontali, che si rifanno al femminile della Terra, e da quelle verticali, come l'albero  che  riprendono il maschile. Paesaggi marini, figure, boschi, soggetti captati ex abrupto tra una passeggiata campestre, una frenetica vita cittadina ed una pausa riflessiva sul bagnasciuga di una spiaggia deserta vengono così   dipinti con grande intuizione e ricostruiti con armonia e ritmo attraverso la simbologia cosmica, i riflessi,le modulazioni, le luci cangianti, ed i colori sempre in sintonia con uno stato d'animo che diventa universale".

Giorgio Barberis