ESTRATTISMO:

1/6

Estrattismo è il processo attraverso il quale l’artista fraziona l’oggetto creandone tanti frammenti in una sorta di grande puzzle.

L’ Estrattismo prende origine il più delle volte, dalla contaminazione fra pittura e fotografia.
L’artista può creare l’opera pittorica direttamente sulla tela partendo da un’ottica fotografica, o avviare un primo studio fotografico di un soggetto che avrà invece il suo sviluppo con lo strumento della tavolozza.
Tema dominante della sua sperimentazione - tra tecnica e contenuto - è l’urgenza di catturare l’immagine all’interno di un riquadro, scandagliandone il profondo attraverso forme geometriche. Una riflessione visiva e poetica sulla contemporaneità e sul condizionamento dell’uomo odierno che guarda attraverso finestre diverse: il vetro della sua auto, il computer, la televisione, il videotelefono, ecc.

L’ esigenza dell’ artista di frazionare l’oggetto nasce dalla necessità di esaltare il valore del frammento rispetto al tutto, evidenziando attraverso il taglio l ‘essenzialità e l’importanza di ogni singola tessera. Il frammento ottenuto da tale processo si chiamerà Estratto, che diventa ulteriormente divisibile in altri estratti. Ecco che l’Estrattismo diventa così un processo infinito di divenire la cui struttura è paragonabile a quella della ricerca scientifica che arriva a dividere l’atomo o a quello dell’informatica nella sua archiviazione piramidale.
L’Estrattismo è l’esaltazione del particolare sul generale, la superiorità del semplice sul complesso. Un modo di guardare ciò che ci circonda con occhi diversi, per osservare da un punto vista più vicino l’oggetto e carpirne l’ essenza più intima e semplice.

L’Astrattismo giunge all’essenza dell’oggetto attraverso la sublimazione del generale,
L’Estrattismo arriva invece all’essenza attraverso la contemplazione del particolare.

L’ Estrattismo è una tendenza artistica che attraversa varie correnti, e si sviluppa sulle tracce lasciate dalla storia dell’arte nel corso dei secoli.
L’ Estrattismo è la coscienza di una condivisione possibile tra gli artisti contemporanei, ciascuno con il proprio linguaggio ma aperto a una sensibilità comune.

Mery Rigo